Condividi con:

Per inserire il compnente tinyMCE in un modulo di Prestashop (v1.6) ci sono due modi diversi:

  • Utilizzando Un template:

Per prima cosa definiamo il componente nella funzione getContent()

Poi creiamo il componente nel template smarty

Condividi con:

Condividi con:

Dato per scontato che abbiate già installato un server LAMP su ubuntu, per abilitare la riscrittura dei link su Apache2 bisogna eseguire questi semplici passi:
Da terminale digitare

per attivare il modulo e poi digitare

per riavviare Apache2.

Apache2 per default proibisce le riscrittura dei link, quindi bisogna modificare il suo file di configurazione per rendere attivo il modulo:
da terminale digitare

Cerca la stringa e dentro questo blocco inserite

Riavviate il servizio Apache e nel file .htaccess del vostro sito potete inserire la direttiva

per poter attivare la riscrittura dei link.

Condividi con:

Condividi con:

Dovete entrare nel pannello di controllo del vostro sito Joomla e avete perso la password? Purtroppo se siete un amministratore, Joomla non permette di recuperare la password. Quindi dovremo usare un metodo alternativo: cambiare la password direttamente nella tabella del database mySQL.

Entrate nel vostro database e cercate la tabella users (di solito Joomla usa un prefisso per le tabelle, quindi potrete trovare la tabella users con un nome diverso del tipo prefisso_users).

Nella tabella individuate il vostro nome utente (username) e sostituite il contenuto del campo password con questo:

Successivamente, entrate nel pannello di controllo di Joomla con il vostro nome utente e la password admin.
Ricordatevi di sostituire la password al primo accesso.

Condividi con:

Condividi con:

Il codice per inserire un video in un file HTML è il seguente

Si mette in un iFrame il link al video di youtube e si imposta la grandezza dell’iframe con width e height, si elimina il bordo del componente e con l’opzione allowfullscreen, si permette di ingrandire il video a tutto schermo.

Ecco l’esempio:

Condividi con:

Condividi con:

Grazie all’helper form di Prestashop, è possibile definire una form completa dei suoi componenti tramite la costruzione di un’array apposito

La grandezza della casella di test però è predefinita. Se volessimo cambiare le sue dimensioni dovremmo aggiungere all’array che definisce il componente il parametro

con XX che può assumere i seguenti valori

  • sm : casella piccola
  • md: casella media
  • lg: casella grande
  • xl: casella molto grande
  • xxl: estensione massima

Condividi con:

Condividi con:

Per aggiungere un repository su ubuntu, il comando è il seguente

e aggiornare l’elenco dei programmi

Nell’eventualità che il comando non fosse disponibile, bisogna installare o reinstallare le software-properties-common

oppure

Per eliminare un repository

Condividi con:

Condividi con:

Per copiare la propria posta elettronica da un server all’altro sui sistemi Linux, è presente un programma, che lanciato da terminale, riesce a duplicare interamente la struttura della vostra casella di posta da un server all’altro.

Per installare il programma, da terminale digitare

La potenzialità di questo programma sta nel riuscire a copiare le vostre e-mail senza dover digitare il comando da uno dei due server. Il comando funziona da qualsiasi postazione Linux.
Per utilizzare il comando bisogna creare un file chiamato imapcopy.cgf dove inserire i parametri dei due server e l’elenco delle caselle di posta da copiare, quindi conviene crearsi una cartella nella propria home dove gestire questa operazione.
Da terminale digitiamo

e nel file impostiamo i parametri secondo questo schema

I parametri principali sono SourceServer, dove scrivere il dominio i l’IP del server di partenza e DestServer, dove scrivere il dominio o l’IP del server di destinazione, i parametri SourcePort e DestPort indicano la porta d’ascolto per il servizio IMAP, di norma proprio la porta 143.

le righe che iniziano per # sono commenti e vengono ignorati

Infine il comando vero e proprio, Copy, fa in modo che la casella di posta venga copiata sul nuovo server.

Nell’ordine, i parametri da inserire dopo il comando Copy sono

  • Casella di posta dalla quale leggere i messaggi
  • La password della casella di posta di origine
  • Casella di posta sulla quale scrivere i messaggi
  • La password della casella di posta di destinazione

É buona norma utilizzare gli apici per racchiudere un parametro dall’altro e almeno uno spazio tra un parametro e l’altro.

Come si vede dall’esempio si possono utilizzare più caselle di posta nello stesso file di configurazione, basta che ci sia un comando Copy per riga.

Il comando imapcopy non funziona sui server che utilizzano le porte TTS/SSL quindi dovrete configurare i vostri server in modo che accettino l’ascolto sulla porta 143

Una volta definito il file di configurazione, prima di procedere alla copia si può effettuare un test di verifica sulle email con il comando

oppure per avere informazioni sui server

Se tutto è andato bene, per iniziare la copia vera e propria basta digitare

E attendere la fine delle operazioni.

Condividi con:

Condividi con:

Prestashop gestisce le chiamate ajax direttamente nel modulo o nel controller. Basta chiamare la funzione desiderata passando l’argomento ajax nei parametri della chiamata.
Le funzioni ajax in Prestashop iniziano tutte con ajaxProcess e poi il nome della funzione.

In questo caso il nome della funzione è MyFunction. É consigliabile usare alla fine della funzione il metodo exit() per evitare di sporcare il risultato della funzione con dati non desiderati.

La chiamata ajax si gestisce tramite Javascript, quindi bisogna passare alcuni parametri fondamentali tramite le variabili smarty.

  • $url: Il percorso del modulo da chiamare. Di solito, quando operiamo in BackOffice il link da passare è il percorso alla pagina di amministrazione dei moduli. In questo esempio La chiamata ajax gestisce la pagina di configurazione di un modulo;
  • $token: è il token di sicurezza per la corretta visualizzazione della pagina;
  • $module_name: è il nome del modulo da configurare;

Invece, se la chiamata ajax proviene da un controller, i parametri da passare sono diversi:

La chiamata ajax tramite javascript si imposta in questo modo:

  • type: ‘POST’ – i parametri saranno passati tramite POST;
  • dataType: ‘json’  – La chiamata ajax si aspetta come risposta dati in formato json;
  • url: ‘{$url’} – Tramite smarty compiliamo questo campo con il link alla pagina di amministrazione dei moduli;
  • ajax: true – Indica a Prestashop che questa è una chiamata Ajax
  • action: ‘myFunction’ – Nome della funzione da eseguire
  • token: ‘{$token}’ – Tramite smarty compiliamo questo campo con il token di sicurezza
  • Se la funzione ha successo sarà gestita nella sezione .done()
  • Se la funzione ha qualche problema sarà gestito nella sezione .fail()

Se la chiamata ajax è eseguita tramite controller lo script sarà leggermente diverso

  • url: ‘index.php’ – il link alla pagina è quella principale
  • controller: ‘{$controller}’ – Il nome del controller da compilare tramite smarty

Se tutto andrà bene, quando invocherete la chiamata ajax nell’esempio, la pagina vi risponderà con

senza che ci sia bisogno di ricaricare la pagina.

Inviare dati alla funzione ajax:

Nella funzione gestire la lettura dei dati in questo modo:

E nello script ajax inviare i dati nella sezione data:

  • il parametro name: ‘John Doe’ sarà passato alla funzione e letto tramite POST con Tools::getValue(‘name’, ‘ ‘);

 

Condividi con:

Condividi con:

Se volete creare un video per Youtube partendo da un’immagine e da un file mp3, con Ubuntu è possibile grazie alle librerie FFMPEG

Se non le avete ancora installate potete farlo eseguendo questi passi:

Da terminale digitate

Naturalmente image1.jpg e audio.mp3 dovranno contenere i percorsi all’immagine e al file audio da inserire, la direttiva -t invece indica la durata del video in formato hh:mm:ss.millesimi che sarà creato. Quindi, accertatevi che la lunghezza sia almeno uguale alla durata del file audio, se non volete che il video venga troncato durante l’esecuzione!

Oppure potete usare questa variante che evita a Youtube di ricodificare il video

Usando questo comando da terminale

con SOURCE che contiene tutti i riferimenti da incorporare e con la direttiva -g che contiene la metà dei framerate che volete fare visualizzare. Es: se il video va a 30 fps allora -g sarà 15.

Buona conversione!

Condividi con: